La Tecnica del MIX (Mixed Voice) - Lezioni di canto a Roma
Ecco alcune frasi ricorrenti di chi vorrebbe migliorare la sua capacità vocale.

“Non riesco a cantare le note acute e devo accontentarmi di un’ estensione ridotta... “Sono pieno di tensioni e di rigidità, mi sforzo e mi affatico e poi mi si abbassa la voce... “Sento che devo urlare per cantare quelle note o che devo scollegare la voce in falsetto... “La mia voce è molto debole e ariosa, non ha alcuna potenza... “La mia voce è instabile: o balla o cambia improvvisamente qualità dal basso all’alto...” “Vorrei cantare con una sola voce da giù a su, non con due o tre...”


 "L'unica ragione per cui valga la pena padroneggiare una Tecnica è che il corpo

non interferisca con la libera espressione dell’anima". (La Meri)


La Tecnica Vocale che insegno. L’approccio tecnico e pedagogico.

 

La Tecnica vocale del “MIX” (Mixed Voice) che insegno e che ho imparato stando a stretto contatto con i più grandi vocal coach del pianeta (Seth Riggs, Jeffrey Skouson, Greg Enriquez ecc.) deve la sua fama (diffusa su scala planetaria) ai più grandi artisti di tutto il mondo che l’hanno utilizzata, tra i quali oltre 130 vincitori di Grammy Award, 5 Vincitori del Metropolitan di New York nell’opera e 6 ruoli da protagonisti a Broadway.

Dal momento che non ti insegno cosa cantare ma piuttosto come cantare mantenendo un equilibrio costante tra i registri e nei tuoi “passaggi”, la tecnica vocale che insegno si adatta perfettamente ad un’ampia gamma di stili, dall’opera al rock, dal jazz al pop, dal musical all’R&B, indipendentemente dalla lingua in cui si canta.


 

La tecnica vocale del “MIX” (Mixed Voice) si basa sui princìpi della tradizione belcantistica italiana settecentesca tramandata nel tempo da Riccardo Daviesi, E.Herbert-Caesari e sostenuta da gloriosi cantanti tra i quali Antonio Cotogni, Mattia Battistini, Beniamino Gigli, Adelina Patti, Tito Schipa.

Essa permette di formare voci capaci di cantare in una maniera uniforme, libera e naturale dalla zona più grave dell’estensione fino alla zona acuta, senza alcun break o improvviso cambiamento nella qualità timbrica in particolari aree della voce.

mixed voice

L’apprendimento di questa tecnica permette al cantante di:

  • cantare con naturalezza, libertà muscolare e facilità di emissione
  • aumentare la propria estensione
  • incrementare la resistenza, la consistenza e la stabilità del tono vocale
  • ottenere flessibilità stilistica, adattandosi perfettamente ad ogni stile vocale.

Tali risultati vengono ottenuti fornendo a ogni cantante la capacità di trovare equilibrio tra flusso aereo e resistenza muscolare degli intrinseci della laringe, all’interno di una comoda, rilassata, postura laringea.

L’approccio pedagogico
“Narrami e dimenticherò, mostrami e potrò ricordare, coinvolgimi e capirò” – Proverbio Cinese

Qualunque sia l’argomento o la materia presa in esame, in base alla mia esperienza di insegnante e di studente, l’approccio di “Causa ed Effetto” è quello che a livello pedagogico produce maggiori e migliori risultati.

Poichè il metodo che insegno è piuttosto pratico, ogni esercizio che prescrivo (Causa) è costruito in una tale maniera che la sensazione che desidero venga stimolata nell’allievo (Effetto) sia poi realmente ottenuta.

Questo modo di approcciarsi, rispetto ad altri, favorisce importanti risultati nel percorso di apprendimento.

E’ più rapido e accurato, efficace ed efficiente!

 

Sebbene un un libro possa raccontare un centinaio di storie, l’esperienza di una storia è sempre meglio! Nel momento in cui le “descrizioni” divengono più importanti o intendono sostituire la capacità di fare, il tuo apprendimento sarà lasciato al caso!

Chi ti dice soltanto “cosa fare” (es. “metti il suono in maschera”, ”appoggia di più il suono”, ”alza il palato molle” etc.) non ti aiuterà a fare quella determinata cosa. Devi sapere “come farla” e a questo risultato si può soltanto giungere attraverso l’esperienza pratica, la tua esperienza, non quella derivante dalla descrizione delle esperienze altrui (es. “immagina che il suono nasca dietro agli occhi”, “pensa ad una pallina che rotola davanti alle labbra”, etc.).

error: Il contenuto è protetto